Uber-Jump-Roma

Arrivato a Roma il servizio di Uber Jump: cos’è e in cosa consiste

Roma è la prima città in Italia ad ospitare le biciclette rosse di Jump, il servizio di bike sharing di Uber. Il servizio, attivo dal 21 ottobre 2019, è partito con 700 biciclette elettriche a pedalata assistita. Nell’arco delle prossime settimane, le biciclette rosse di Uber Jump, messe a servizio di Roma, potranno diventare ben 2800 unità.

uber-jumproma

Le biciclette di Uber Jump

Jump, non diversamente da altri servizi di bike sharing come, ad esempio, Mobike, mette a disposizione biciclette con Gps e tecnologia lock to integrata.

Parliamo di biciclette dotate di lucchetti che permettono di parcheggiare la bici ovunque, a condizione che non disturbino ed intralcino la mobilità urbana. Inoltre, non vi sono rastrelliere prestabilite in cui parcheggiare le bici rosse al termine dell’utilizzo.

Il plus di queste biciclette è certamente la pedalata assistita, che permette di aumentare la velocità con uno sprint fino a 25 chilometri all’ora, caratteristica assolutamente interessante se consideriamo le strade e la morfologia di Roma.

Uber Jump: come si noleggiano le bici rosse e quali sono i costi del servizio

Ormai praticamente tutto si fa tramite app e Jump rispetta questa filosofia.

Il noleggio delle bici avviene tramite l’app di Uber, disponibile su App Store e Google Play. 

Il costo per ogni minuto di noleggio è di 20 centesimi, mentre lo sblocco della bicicletta si paga 0,50 centesimi.

È anche possibile mettere la bici in pausa per un’ora durante la quale, però, il contatore continua a fatturare per poterne conservare la priorità di utilizzo.

Come e dove muoversi a Roma con Uber Jump

Il servizio copre una superficie di 57 km quadrati: centro storico di Roma, le zone dell’Eur, Coppedè, Monteverde Nuovo e Fleming.

Parcheggiare le bici fuori dall’area prestabilita da Uber costa 25 euro: l’app però avvisa e segnala che da quella posizione si è fuori dai confini del bike sharing di Uber e conferma il supplemento sul costo totale raggiunto fino a quel momento.

Uber-Jump-Roma

Questo servizio di bike sharing sarà un successo?

Quello di Jump è certamente un tentativo importante che mira ad incentivare lo spostamento con mezzi ecologici.

Le politiche di tutela ambientale, nonché gli indubbi problemi di viabilità e traffico che Roma porta storicamente e cronicamente con sé, fanno sì che la Capitale si muova sempre più verso la sostenibilità e il bike sharing.

Jump non è il primo servizio di condivisione biciclette che Roma ha ospitato tra le sue strade. Esperimenti che, va detto, non sono stati propriamente di successo.

Bisognerà, quindi, aspettare che il business faccia il suo corso per vedere se sarà possibile rendere più salutiste le abitudini di spostamento nella Capitale.

Biciclette rosse condivise in tutta Europa

Uber è diventato un vero e proprio leader per quanto riguarda il nuovo modo di spostarsi in città.

Possiamo assistere alla comparsa di bici rosse in tutta Europa e anche negli Stati Uniti.

L’avvio dell’attività a Roma appare come una ventata d’aria fresca destinata a svilupparsi e a diffondersi in tutta Italia.

Lascia un commento